Guida agli Extravergini 2021 Slow Food: i migliori oli prodotti in MOLISE

182


È stata appena pubblicata da Slow Food la “Guida agli Extravergini 2021” con
l’obiettivo di richiamare l’attenzione sulla qualità degli oli prodotti in Italia e soprattutto
quelli con il contrassegno dei “Presìdi”.


Il Presidio Slow Food dell’olio extravergine italiano è una testimonianza del fatto
che l’olivicoltura basata su oliveti secolari di cultivar locali e portata avanti con
tecniche produttive sostenibili è fortemente a rischio.


Attraverso il contrassegno dei Presìdi e l’etichetta narrante, ovvero una descrizione
dettagliata del processo che rende peculiari e inconfondibili certe produzioni, si vuole
richiamare l’attenzione sulla qualità degli oli presenti nella guida.


Da nord a sud, in Italia sono stati recensiti diversi oli riconosciuti come Presidio Slow
Food dell’olio extravergine italiano e per i Molise sono stati considerati meritevoli di
ricevere questo riconoscimento:


Adamo Radatti Gentile di Larino
Colonia Julia Aurina – Colonia Julia Venafrana
Giorgio Tamaro Colle D’Angiò Rumignana – Biologico
Luca Del Prete Aurum Venafri
Trespaldum Gentile di Mafalda

Quest’anno tra le 37 Chiocciole, il simbolo che indica le aziende che si distinguono per
la loro totale coerenza con la filosofia Slow Food, è stato premiato: Giorgio Tamaro di
Termoli, la cui azienda si trova in agro di Colletorto.

A Giorgio Tamaro col suo “Colle D’Angiò Rumignana” e all’Azienda Trespaldum con la
“Gentile di Mafalda” va anche il prestigioso riconoscimento “Olio Slow” che viene attribuito all’extravergine che si è distinto per particolari pregi dal punto di vista
organolettico, perché ben rispecchia territorio e cultivar e perché ottenuto con pratiche
agronomiche sostenibili”.


Condotta Slow Food Termoli

Commenti Facebook