Campobasso/ Poietica Art Festival accoglie il professore Ian Goldin

222

Riceviamo e pubblichiamo

Poietica Art Festival accoglie il professore Ian Goldin docente di Globalizzazione e sviluppo alla University of Oxford. Sul palco del Teatro Savoia a Campobasso, mercoledì 2 maggio  dalle ore 18.30 dialogherà con Alberto Franco Pozzolo, docente di politica monetaria e macroeconomia dell’Università degli Studi del Molise. Goldin è stato direttore fondatore della Oxford Martin School, il principale centro mondiale per la ricerca interdisciplinare in sfide globali critiche, vicepresidente della Banca mondiale e consigliere di Nelson Mandela. Tra le sue pubblicazioni più recenti si ricordano Divided nations (2013), Is the planet full? (2014), The butterfly defect (2014) e The pursuit of develo       pment (2016).

Nel suo recente libro “Nuova età dell’oro” (2018 Il Saggiatore), scritto in collaborazione con Chris Kutarna (ricercatore in Scienze politiche e membro della Oxford Martin School) afferma:  “Questa è la Nuova età dell’oro, proprio come nel Rinascimento, nella nostra epoca c’è un terreno estremamente fertile per la fioritura del genio, perché in nessun altro momento storico il rapporto tra scienza e tecnologia è stato così stretto.”

Goldin e Kutarna partendo dalla storia delle scoperte geografiche, delle rivoluzioni scientifiche e artistiche che hanno caratterizzato l’età moderna, le confrontano con l’attualità. Come Gutenberg e la stampa, Zuckerberg e i social media contribuiscono a diffondere la conoscenza; il crollo del muro di Berlino e la globalizzazione hanno abbattuto barriere e consentito di varcare confini prima invalicabili in misura pari alla scoperta di Cristoforo Colombo; i flussi migratori di oggi, spesso determinati da movimenti geopolitici radicati nella religione, ricordano quelli provocati in Europa dalla scissione tra Chiesa cattolica e Chiesa riformata.

E’ tempo che economia e cultura entrino in un secondo Rinascimento. Se è vero che il presente non è una ripetizione di quanto già accaduto, è pur vero che l’umanità non si reinventa a ogni generazione e che, a dirla con Machiavelli, per prevedere il futuro bisogna consultare il passato.” L’evento è promosso dalla Regione Molise, dalla Fondazione Molise Cultura e patrocinato dall’Università degli Studi del Molise – Dipartimento di Economia.

Il professore Ian Goldin è il direttore fondatore  della Oxford Martin School. Professore universitario presso il Balliol College di Oxford, presidente dell’iniziativa globale CORE per riformare l’economia, Goldin ha ricoperto in precedenza la carica di vice presidente e direttore presso la Banca Mondiale e amministratore delegato della Banca di sviluppo dell’Africa australe, durante la quale è stato consulente del presidente Nelson Mandela. Ha anche lavorato come economista principale presso la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (EBRD) e come direttore del programma presso l’OCSE a Parigi. Nato in Sud Africa, Goldin ha conseguito un BA (Hons) e una laurea presso l’Università di Cape Town, un Master presso la London School of Economics e un Master e PhD presso l’Università di Oxford. Ha pubblicato oltre 50 articoli e quindici  libri.

Mariantonietta Finella 

Commenti Facebook