Acem: pacchetti anticrisi, necessari i regolamenti attuativi da parte della Finmolise

500

acem“Esprimiamo soddisfazione come Associazione per la giusta considerazione avuta nel percorso di concertazione che stiamo seguendo con le istituzioni locali per affrontare i problemi a fianco delle imprese e rivendichiamo anche i meriti dei risultati ottenuti con la semplificazione dei parametri del pacchetto anticrisi della Regione Molise, perché ciò è il frutto di un intenso e lungo lavoro portato avanti dall’ACEM nei mesi scorsi insieme agli organismi ed ai dirigenti tecnici e politici dell’Amministrazione Regionale, ma si rendono ora necessari con tempestività i regolamenti attuativi da parte della Finmolise per la concreta fruibilità delle misure da parte delle aziende “.

E’ questo il commento a caldo del Presidente dell’ACEM Corrado Di Niro, alla notizia dell’avvenuta approvazione da parte della Giunta Regionale del Molise di una delibera semplificativa dei parametri stringenti previsti dalla delibera 813 del 2009, meglio conosciuta insieme alla delibera 812 dello stesso anno come “pacchetto anticrisi”, parametri che ostruiscono a tantissime aziende e soprattutto a quelle dell’edilizia di poter beneficiare delle relative misure.
Si tratta dell’apposito Fondo di Garanzia volto a concedere Garanzie dirette di Confidi e Finmolise, per molteplici finalità aziendali.
Purtroppo per accedere alle suddette garanzie – spiega il Presidente dell’ACEM Di Niro – sono attualmente previsti, come requisiti necessari, degli indici di bilancio che pochissime aziende in un momento difficile come questo realmente possiedono, per cui nell’offrire sin da ora la nostra disponibilità e collaborazione per la definizione dei regolamenti attuativi, come accaduto per l’adozione della recente delibera di semplificazione, ci auguriamo che con detti regolamenti siano eliminati del tutto i parametri che hanno impedito di beneficiare delle misure e siano creati strumenti confacenti alle esigenze delle imprese e da queste ultime materialmente utilizzabili “.

Commenti Facebook