Rivoluzione Udeur: Pietrarca verso la Segreteria Regionale. Niro verso il centro.

801

clemente-mastellaManca soltanto il documento ufficiale di Clemente Mastella con il quale il giovane consigliere comunale di Campobasso, prenderà il posto di Vincenzo Niro alla guida del Partito del Campanile. Dopo una parentesi decennale, infatti, che ha visto il politico di Baranello al fianco di Mastella negli ultimi cicli politici, sembra esser giunto il definitivo divorzio. Vincenzo Niro, nel corso di questi anni, era diventato uno degli ultimi baluardi di quel partito che oggi conta ancora qualche amministratore nel centro sud, grazie al potere “democonservativo” che Mastella e Signora riescono a preservare. Ciò, però, non è stato possibile in Molise, o meglio con Niro, dopo il suo sostegno allo schieramento di centro sinistra alle ultime regionali e successivamente alla sua investitura a Presidente dell’Assise Regionale, con il governo Frattura.

Cosa questa che generò non poco imbarazzo ai suoi consiglieri comunali di tutta la Regione, eletti nel centro destra, e che portò le prime defezioni ed i primi addii. Senza dimenticare, poi, che il leader Mastella è traghettato mesi fa, armi e bagagli, prima nel Pdl e poi in Forza Italia, e sta lavorando alla ricandidatura all’Europarlamento, proprio al fianco di Silvio Berlusconi. Era, dunque, solo questione di tempo e circostanze. L’assist atteso da molti lo ha fornito l’avvicinarsi delle amministrative del capoluogo, frangente per cui il capogruppo Antonio Pietrarca, ormai distante da Niro da mesi, è riuscito a strappare il simbolo del Partito a Mastella dalle mani del Presidente del Consiglio, con l’obbligo però, di sostenere la candidatura dell’uscente Di Bartolomeo. Alla luce di questo, Pietrarca si avvia a guidare il Partito e pare già stia lavorando a recuperare i rapporti con le donne e gli uomini allontanatisi da Niro negli ultimi mesi, principalmente nei comuni di Termoli ed Isernia,  rivolgendo un occhio particolare anche alla consigliera regionale Nunzia Lattanzio che, pur di far uno scherzetto a Niro, potrebbe esse disposta a collaborare con Antonio Pietrarca. Per ciò che riguarda invece gli altri consiglieri del capoluogo, bocche cucite in attesa delle prossime mosse territoriali e magari delle candidature ufficiali a Sindaco, dopo le quali sceglieranno dove posizionarsi. Quel volpone di Niro, dal canto suo, non è restato neanche un minuto “senza casa” e da alcune indiscrezioni sembra essersi particolarmente avvicinato a Scelta Civica ed al suo illustre esponente Mario Mauro, con il quale il rapporto pare essere già molto collaborativo e persistente. Trattandosi di un Ministro che, a detta dei più, ben sta operando, tanto da garantirsi la permanenza al Governo anche in caso di nuova Premiership, tale collaborazione assicurerebbe a Niro, una sorta di “protezione politica”, sempre utile e funzionale in momenti convulsi e concitati come quello attuale. Se le cose dovessero confermarsi tali, quindi, Niro sarà presente alle prossime elezioni amministrative con sue liste, sotto il simbolo di Democrazia e Libertà, mentre l’Udeur sarà ad appannaggio di Pietrarca che, come primo compito, dovrà tira su una lista di 32 nomi a Campobasso e non sarà cosa semplice, considerati i tempi.

Commenti Facebook