Regione/ Tv locali, i portavoce M5Stelle: “Discussione tecnicamente inutile”

146

Nota dei portavoce M5S in Consiglio regionale alla luce della discussione di ieri mattina in aula in merito all’ordine del giorno della maggioranza dal titolo “Regolamento concernente i criteri di riparto tra i soggetti beneficiari e le procedure di erogazione delle risorse del Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione in favore delle emittenti televisive e radiofoniche locali”.

Comunicato del 26.09.2018

Un emendamento al ‘Milleproroghe’ estende al 2019 il regime transitorio sui termini di assegnazione alle emittenti radiofoniche del Fondo per il pluralismo dell’informazione, istituito dal Governo Renzi (con legge 208/2015) e con un regolamento adottato durante il Governo Gentiloni.

Tale Fondo – spiega Angelo Primiani – ha un meccanismo di attribuzione penalizzante delle emittenti private locali legate a un territorio con un bacino modesto come quello molisano e di questo siamo consapevoli. Uno dei parametri di riferimento è infatti il dato Auditel che però non viene proporzionato alla popolazione, ma in termini assoluti. Questo è il motivo dell’impugnativa presentata al Tar Lazio da alcune emittenti locali. Con un artifizio normativo la Lega poi ha voluto trovare un escamotage per trasformare in legge un regolamento. Tuttavia per gli uffici legislativi della Camera dei deputati questa trasformazione non è automatica, anzi”.

Per l’ennesima volta – dice Fabio De Chirico – l’ordine del giorno è lo strumento per attaccare il MoVimento 5 Stelle nonostante la legge l’ha voluta Renzi, il regolamento attuativo l’ha voluto Gentiloni, l’emendamento al Mille Proroghe lo ha voluto la Lega. Continuiamo a non parlare di una Regione che ha distrutto aziende come Molise Dati, Molise Acque, Gam, Zuccherificio, facendo perdere milioni di euro al Molise”.

Andrea Greco aggiunge: “Sarebbe stato più sensato parlare prima di queste cose, magari in Conferenza delle Regioni, ma ora non ha più senso essere qui a discutere, se non per accreditarsi di fronte agli operatori dell’informazione in Molise. Abbiamo proposto un emendamento per impegnare il presidente Toma a riferire in aula circa l’iter di approvazione dell’emendamento e farsi portavoce presso le sedi opportune del diritto all’informazione e al pluralismo dei cittadini molisani, perché dobbiamo capire come si è arrivati a questo punto. In Molise ci sono tanti lavoratori che aspettano da anni risposte e ancora non le ricevono. Allora o ci occupiamo di tutti i settori, o si rischia di dare l’impressione di occuparsi di questo settore per esibire interesse di fronte ai giornalisti locali”.

Comunque sia, a prescindere dall’esito del ricorso al Tar, o di un eventuale ricorso presso la Corte Costituzionale, il Governo interverrà per riformare sostanzialmente tutto il sistema dei finanziamenti pubblici all’editoria. Lo farà nell’ottica di una riduzione drastica per tutti gli editori di grandi gruppi, ma anche inserendo un tetto alle pubblicità per le grandi emittenti. Ma sarà fatto salvo il principio di proporzionalità che vogliamo ripristinare nel prossimo regolamento: meno soldi assegnati ai grandi gruppi, più soldi disponibili per i piccoli editori locali, che fanno davvero grandi sacrifici che danno lavoro a tante famiglie. Il MoVimento 5 Stelle è certamente d’accordo sul principio della difesa delle piccole tv locali, ma si è astenuto sulla mozione presentata dalla maggioranza perché è una mozione che non serve a nulla, come tanti altri presentati e votati finora.

Commenti Facebook