Nomine al Corecom, Romagnuolo: la politica può sbagliare, ma tornare sui propri passi è indice di maturità

103

Mai come in questo momento il mondo del giornalismo è compatto ed unito sul caso Corecom, una situazione questa, in cui da una parte c’è la politica che si serve della stampa e degli organi di informazione per la sua attività istituzionale, e dall’altra, sempre la politica che imperterrita persegue le vecchie logiche spartitorie di scegliere persone che nulla hanno a che vedere, professionalmente, con il mondo della comunicazione.

Noi amministratori regionali, dobbiamo essere diversi dalla politica del passato, perchè scelti e premiati come classe di rinnovamento, consapevoli che la politica può anche sbagliare ma tornare sui propri passi, è segnale di grande maturità. Essendo per noi della Lega l’impegno in politica una cosa seria, a questo punto chiedo ufficialmente un incontro urgente con tutta la maggioranza per valutare l’ipotesi di rivedere eventualmente, la ricomposizione del Corecom.

Questa mia posizione, è dettata sia dalla mia personale appartenenza all’ordine dei giornalisti e quindi ben conscia di conoscere il mondo e le problematiche dell’informazione, e sia, come Capogruppo della Lega alla Regione Molise.

Aida Romagnuolo
Capogruppo Lega Regione Molise

Commenti Facebook