Fondo per la non Autosufficienza, le bugie di Toma. Circa 83 famiglie rimarranno senza aiuto

204

Diversamente da quanto riferito dal presidente Toma in Consiglio regionale, ovvero che la Regione abbia predisposto in un capitolo di spesa precipuo le risorse da accantonare per il Fondo della Non Autosufficienza (FNA), gli atti della Regione ci dicono l’esatto contrario.

La quota di compartecipazione della Regione all’ FNA  è pari a zero.

In favore degli Ambiti Sociali Territoriali (ente che di fatto attiva i servizi relativi all’FNA) è stata distribuita esclusivamente la quota che lo Stato mette a disposizione.

“Per comprendere la gravità di quanto sta accadendo bisogna fare un passo indietro e cioè nel 2017 quando, nel periodo del Governatore Paolo Frattura che mi ha visto nel ruolo di delegato alle Politiche Sociali, – spiega Vittorino Facciolla segretario Pd Molise – vennero stanziati per la prima volta 200mila euro come FNA in aggiunta alla dotazione nazionale. Queste risorse però arrivarono concretamente alle famiglie solo nel 2018 ma in quegli anni si posero le basi per quello che fino ad oggi è stato un tandem virtuoso tra Regione e Stato per accantonare e predisporre risorse in favore delle persone affette da disabilità gravissima e dei loro familiari.

Va da sé che ad oggi quei finanziamenti sono destinati a diversi settori come i 12 Centro Socio Educativi (CSE), i progetti per l’autonomia dei minori e soprattutto i contributi per i caregiver.

Arrivammo a questo tipo di scelta dopo mesi di lavoro e di ascolto di tutti gli stakeholder territoriali. Oggi invece si assiste alla presa in giro degli stessi stakeholder che, pur partecipando agli incontri della IV Commissione regionale, poi non possono fare altro che certificarne il mero ruolo di passacarte al presidente Toma che facendosi beffa di tutti, promette una cosa e ne fa un’altra lasciando, di fatto, il finanziamento regionale a zero.

La fortuna è che negli anni sia cresciuta la quota di finanziamento da parte dello Stato e questo da un lato attesta la giusta sensibilità del Governo nazionale e dall’altra l’assoluta inadeguatezza di quello regionale che avrebbe potuto con davvero poche risorse a disposizione gratificare circa 83 famiglie che ora, molto probabilmente, si vedranno escluse dal finanziamento.

Si tratta proprio delle persone che maggiormente hanno bisogno di aiuto e di attenzione da parte delle Istituzioni.

Quando un governo non protegge i più deboli non ha più ragione d’esistere.

Avv. Vittorino Facciolla
Consiglio Regionale del Molise – Gruppo Consiliare Partito Democratico

Commenti Facebook