Isernia: arrestate 3 persone per rapina aggravata in concorso ai danni di una persona anziana e disabile

218

Martedì 18 settembre, personale della Squadra Volanti della Questura di Isernia ha tratto in arresto tre persone S.E. di anni 58 di Pescara, S.G. di anni 54 di Pescara e S.E. di anni 47 di Pescara (due uomini ed una donna), resisi responsabili dei reati di rapina aggravata in concorso e resistenza a P.U.

Nello specifico, le Volanti, grazie alla tempestiva segnalazione di una vicina, sono intervenute in Contrada Colle Marino per un furto ai danni di una persona anziana e disabile.

Le prime informazioni acquisite sul posto indicavano due donne che approfittando della avanzata età della signora, ottantottenne disabile, dopo averla circuita ed ammaliata con frasi di circostanza e complimenti effimeri, con un’azione repentina le avevano strappato di dosso una collana d’oro e avevano tentato di sfilare il portafogli al marito, trasformando quello che prima facie sembrava un semplice furto in una vera e propria rapina.

Nei pressi dell’abitazione i due uomini, che fungevano da palo, le hanno aspettate a bordo di un’auto di colore bianco per poi fuggire a forte velocità per assicurarsi l’impunità.
Immediatamente la Polizia si è messa sulle tracce dei fuggitivi battendo le zone limitrofe e riuscendo, poco dopo, ad intercettare l’auto con le quattro persone a bordo.
Queste ultime, scoperte, hanno tentato di dileguarsi nonostante le autovetture della Polizia avessero attivato i lampeggianti e le sirene, ma sono state bloccate dopo una pericolosissima fuga a folle velocità.
Nell’occasione, una delle due donne, approfittando del rallentamento delle auto in una curva in località Fragnete, si è lanciata dall’auto, facendo perdere le proprie tracce nella fitta vegetazione.

Gli altri tre sono stati fermati e arrestati per rapina aggravata in concorso e resistenza a P.U.. I due uomini sono stati condotti presso la locale Casa Circondariale mentre la donna è stata associata a quella di Chieti. Sono in corso, da parte del personale operante, accertamenti per rintracciare la fuggitiva.

Ancora una volta, grazie alla preziosa collaborazione dei cittadini si è riusciti ad assicurare alla giustizia un pericoloso gruppo già in passato resosi responsabile di reati analoghi e per questo “attenzionato” dalla Polizia.

Continua senza sosta l’attività di prevenzione e repressione della Polizia di Stato per garantire la sicurezza in questa provincia.

Commenti Facebook