Cantalupo nel Sannio ospita la giornata del ringraziamento e porta a casa un risultato fantastico

114

Quando si dice che il piccolo è piccolo e soccombe al grande, a volte, sé non spesso, si dice il falso. I piccoli Comuni, le piccole realtà, come sempre hanno dato segno di grande vitalità e di grande operosa sinergia.
Montorio nei Frentani con il suo Campionato del Mondo di organetto e fisarmonica diatonica, San Massimo con una straordinaria Festa della Montagna, Campodipietra con il suo Jazz in Campo, Monteroduni con l’ Eddie Lang Jazz Festival, Guardialfiera con la giornata mondiale della poesia, Casacalenda con il Festival del Cinema, Scapoli, con la rassegna internazionale della Zampogna, i vari festival del folklore in comuni come Roccamnadolfi, Carpinone, la rassegna delle serenate che quest’anno si è tenuta a Spinete,e così via, ed il Molise dei piccoli borghi vola anche contro l’indifferenza di chi vorrebbe veder la Regione all’angolino a dispetto di una politica che ha dimenticato sinergie e strategie d’assieme.
I piccoli comuni, i comuni dei sindaci che ogni giorno si battono per evitare la loro cancellazione, lo spopolamento, che combattono contro la burocrazia che né taglia fondi e risorse umane, che parla di strategie ma che poi si dimena a costruir torri eoliche ed infrastrutture che non posson che dar solo peso e non energia positiva, hanno avuto la meglio su ogni disgrazia e, si son guadagnati la grazia…….
E così a Cantalupo, piccolo paese dell’Isernino , la giornata del 10 settembre 2017 , nonostante il diluvio abbia creato problemi ed allagamento, rimarrà nel ricordo di molti come, la vera Giornata del Ringraziamento , la Terra nostra , bene comune fondamentale.
Terra, come sfregamento, sfruttamento della stessa in termine di benessere e di amore verso chi raccoglie in sé la vita, terra come madre ….. Terra come assoluta negatività alla rassegnazione , terra come voglia di viverla e parteciparla al meglio.
E tutto questo, grazie all’amministrazione Comunale guidata dal sindaco Achille Caranci , alla Proloco, ai vari comitati festa ( Festeggiamenti Cantalupo e Beata Vergine del Carmine )è stato possibile viverlo con grande senso del comune e della bellezza per non dimenticare, il senso del gusto.
La Giornata apertasi con le funzioni civili e religiose a cura di don José Lopez, con la benedizione dei mezzi agricoli e degli animali, si è protratta con il convegno “ Ambiente, Territorio e Salute “ che ha visto protagonisti, oltre al Sindaco, relatori che del territorio e della salute né fanno una bandiera. Ospiti Carmelina Colantuono, donna transumante di Frosolone, Nicola Di Niro, Direttore dell’Agenzia di Sviluppo del Territorio, immancabile l’ Unimol con un concreto Marco Petrella, Marco Tagliaferri, presidente dell’Associazione Borghi della Salute, coordinati da Maurizio Varriano, coordinatore dei Borghi d’Eccellenza.
Un convegno che ha suscitato grande attenzione e concordemente, emozioni e riflessioni, anche per le immagini che sono state proiettate e che hanno messo in luce , non solo la ns transumanza ma, le bellezze di un Molise che spesso non gode della giusta considerazione progettuale ed esperenziale.
Momento molto apprezzato quello della consegna dell’almanacco dei Borghi con la proposta di adesione da parte dello staff al Sindaco Caranci.
Subito dopo, la carrellata di stand dove si è potuti non solo degustare i prodotti d’eccellenza preparati sapientemente da chi custodisce sapori e territorio ma, anche potuto assistere alla lavorazione del latte, dei salumi, ed alla preparazione dei piatti “ unici “ del posto.
Centinaia di persone, sfidando davvero l’inverosimile temporale hanno vinto ed hanno fatto sì che Cantalupo si ponesse al meglio, dimostrando che comunità e vivere esse senza schemi e dogmi di sorta, può avvenire solo nei piccoli borghi e solo in virtù della dimostrata grande sinergia e visione di intenti.

Commenti

commenti