A Chiauci la presentazione del primo libro di viaggio sul Molise e i suoi abitanti

109

Il viaggio di due ragazze torinesi in una terra magnifica e dimenticata, col solo intento di “camminarla”. È “La strada da fare – in cammino nella regione che (non) c’è”, il libro, edito dalla Neo Edizioni di Castel di Sangro, che sarà oggi 11 agosto 2017 a Chiauci, in piazza G. Marconi alle 21.30, grazie alla collaborazione delle associazioni L’Incontro e Alla scoperta del Molise.
Il primo libro di viaggio sul Molise e i suoi abitanti, in un racconto magico e avvincente, che nel paesino altomolisano sarà narrato direttamente dalle protagoniste, la scrittrice Maria Clara Restivo e la sua insostituibile compagna di viaggio Giulia Rabozzi.
Le due ragazze hanno deciso di partire da Torino e di andare a scoprire un luogo per loro – e per molti – sconosciuto. Hanno intrapreso un viaggio durato un mese e lo hanno fatto a piedi, perché la strada si misura con il ritmo lento dei passi, perdendosi tra sentieri e tratturi dimenticati, ricevendo ospitalità da chi di quel viaggio ha voluto far parte. E così questa terra misteriosa si è popolata di nomi, di amici, di storie, e ha acquistato una consistenza che è negli occhi, negli incontri, nei chilometri percorsi, prima ancora che su una cartina geografica. A guidarle, i piedi che tracciano la via, e la libertà di percorrere senza meta una regione sorprendente, conoscendo chi la vive. La voce di Maria Clara racconta questo viaggio con la cadenza degli spazi sconfinati e dei paesi abbarbicati, delle colline, delle valli, del mare con i suoi trabocchi. Usa il “noi” perché lei e Giulia viaggiano insieme. E noi con loro.
Il libro, pubblicato il 13 luglio di quest’anno, prende il via dal seguitissimo progetto nato sui social dal nome “Due Passi in Molise – A piedi nella regione che non c'è”.
A Chiauci, sarà presentato anche dall’editore Francesco Coscioni e sarà proiettato un video sul meraviglioso viaggio a piedi compiuto dalle due camminatrici. Presenta la giornalista Adelina Zarlenga.

 

Commenti

commenti