Sovraindebitamento: vittoria dell’Adoc Molise. Consumatori salvati dai debiti

80

L’Adoc Molise e il proprio team di consulenti ottiene un importantissimo risultato: è stato omologato dal Tribunale di Campobasso un “piano del consumatore” presentato da due coniugi in difficoltà economiche, uno dei primi in Molise.

Una vittoria per due privati cittadini ottenuta attraverso il ricorso alla legge n. 3/2012 che disciplina la composizione della crisi da sovraindebitamento.

Grazie a tale normativa, il consumatore o le imprese non fallibili, possono ottenere, in presenza di essenziali requisiti, una “ristrutturazione” dei propri debiti, anche fiscali, in proporzione alle proprie capacità economiche, ricominciando, quindi, a “vivere”.

Ma cosa si intende esattamente per “sovraindebitamento”? Non è altro che “una situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, nonché la definitiva incapacità del debitore di adempiere regolarmente le proprie obbligazioni”.

Una definizione molto ampia che può includere moltissimi casi in cui il consumatore deve pagare, ad esempio, le rate di più finanziamenti o un mutuo e non è più in grado di far fronte ai versamenti.

Il fenomeno, purtroppo, nel Molise come in Italia è in forte e costante crescita, data la flessione della ricchezza e la crisi mondiale perdurante: questo importantissimo strumento normativo, ad oggi ancora poco sfruttato, è una via d’uscita da situazioni che possono diventare angoscianti e insostenibili dalle famiglie.

Nel caso in esame, in particolare, i debiti contratti dai due consumatori erano originati dalle necessità essenziali della famiglia che di volta in volta si erano presentate e la situazione di sovraindebitamento era scaturita da fattori eccezionali quali, in particolar modo, l’imprevedibile licenziamento del capofamiglia ed il suo successivo stato di invalidità riconosciuto a seguito di un intervento chirurgico.

Con l’aiuto dell’Associazione Adoc Molise e l’assistenza della società di consulenza Erre&Esse s.r.l. i due cittadini molisani presentavano al Tribunale di Campobasso un’istanza per dare avvio alla procedura di sovraindebitamento, prevista, appunto, dalla legge n. n. 3/12.

Il Tribunale nominava l’Avv. Anna Moffa del Foro di Campobasso per svolgere le funzioni dell’Organismo di Composizione della Crisi (figura assimilabile a quella del commissario giudiziale per le procedure di concordato preventivo per le aziende fallibili)

Con l’assistenza della società di consulenza Erre&Esse s.r.l., dello studio legale Criscuoli e dell’OCC nominato Avv. Anna Moffa, i consumatori depositavano in Tribunale la proposta di “piano del consumatore” commisurato alla propria situazione economica, poi omologato.

Il piano omologato dal Tribunale prevede la riduzione del 50% del mutuo richiesto e concesso ai ricorrenti anni fa per l’acquisto della propria abitazione, la riduzione del 70% degli altri debiti e il pagamento sempre parziale di alcune cartelle esattoriali dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione

Il pagamento dei debiti “falcidiati” nelle dette percentuali sarà effettuato secondo un piano di rientro rateale nell’arco di 190 mesi dall’omologa.

Quello che sembrava ai due cittadini un incubo è presto terminato con l’omologa del piano avvenuta nel volgere di pochi mesi.

I due cittadini sono passati dall’incubo alla libertà in poco tempo.

Questo – afferma il rappresentante dell’ADOC Molise Nicola Criscuoli – , è una soddisfazione impagabile – esprimiamo grande soddisfazione per questo provvedimento ed auspichiamo che la normativa, finora poco conosciuta e poco applicata, diventi un valido strumento per aiutare le famiglie o le piccole imprese che si trovano in difficoltà”.

L’Associazione, grazie al proprio team di professionisti e consulenti, è in grado di dare informazioni, assistere e fornire consulenza ai cittadini o imprese per uscire da situazioni di indebitamento gravose, assistendole in tutte le fasi del procedimento.

Per eventuali chiarimenti e assistenza, gli sportelli di ADOC Molise sono aperti tutti i giorni

Commenti Facebook