Gli auguri del Presidente del consiglio comunale di Larino alla città

294

Care concittadine e cari concittadini,
in questo periodo di feste e di riflessione, in qualità di Presidente del Consiglio comunale di questa città, voglio porgerVi i miei più cari auguri di Buon Natale e Felice Anno nuovo. Purtroppo il momento economico e sociale che stiamo attraversando impone anche una serie di riflessioni alle quali né io né tanto meno l’intera amministrazione vuole sottrarsi. Da quando ci siamo insediati, sette mesi fa, abbiamo cercato, a volte riuscendoci e a volte meno, di lavorare per il solo ed esclusivo bene di questa città, di problemi ne abbiamo trovati e tanti, ma senza farci prendere dalla rassegnazione, sia io sia la Giunta, ci siamo messi a lavorare per cercare di arrivare a dei risultati.

Stiamo vivendo, anche in questa città, una serie di emergenze, a partire da quella abitativa, il lavoro che manca, i servizi che, e ce ne rendiamo conto, sono oggi insufficienti a soddisfare le aspettative di tutti voi, questo però significa che ci impegneremo ancora di più per cercare, insieme a voi, le soluzioni più idonee, l’incontro di domenica scorsa rappresenta già un primo passo, e per questo ringrazio voi tutti per la presenza, un primo passo dicevo, affinchè insieme e in maniera condivisa, si possano migliorare sia i nostri interventi che le vostre aspettative. Alcuni risultati però li abbiamo raggiunti, abbiamo fatto in modo e in pochissimo tempo, di trasferire totalmente la sede staccata del Tribunale da Termoli a Larino, portando nella nostra città più gente che significa più economia, sempre per quanto possibile, abbiamo lavorato tanto e con poche risorse sugli appuntamenti dell’estate larinese, portando a Larino nomi illustri della musica, ma abbiamo fatto in modo anche che chi organizzava qualcosa avesse la struttura comunale a disposizione, stiamo risolvendo anche l’annosa questione del cinema teatro risorgimento, con finanziamenti e scelte gestionali che potranno ridare un futuro  al nostro cinema. Certo siamo anche consapevoli che si poteva fare di più e forse meglio, ma il tempo a disposizione, e lo dico senza volermi giustificare, è stato davvero poco, e nonostante tutto abbiamo lavorato. Voglio rivolgere un augurio particolare alle famiglie di Larino, che con i loro sacrifici e il loro impegno quotidiano, con i disagi, in molti casi, della mancanza di un lavoro, fanno si che questa città non si abbandoni completamente, un augurio particolare va ai nostri anziani, che hanno fatto la storia di Larino e che ancora oggi ne parlano con orgoglio e commozione, forse dovremmo seguire questi esempi di dedizione e attaccamento. Un augurio particolare e sincero va ai nostri ragazzi, le nuove leve, la nuova classe dirigente di questa città, che dobbiamo saper ascoltare e considerare, è un obbligo che abbiamo nei loro confronti, raccogliere le loro impressioni e trasformarle in fatti reali e concreti affinchè non abbandonino i luoghi dove sono nati, infine un augurio particolare va ai malati, alle persone sole e in difficoltà, anche questa una priorità per la nostra amministrazione, cercare cioè di ridurre questi disagi insieme ad altre istituzioni, dobbiamo sviluppare nei prossimi anni, progetti e interventi per fare questo, sperando che anche loro possano avere un felice Natale.Michele Di Carlantonio
Presidente del Consiglio Comunale di Larino

Commenti Facebook