Turismo religioso : firmata l’intesa tra Conferenza delle Regioni e Conferenza Episcopale Italiana

86

E’ stata firmata di recente (luglio 2017) l’intesa tra la Conferenza delle Regioni e la Conferenza Episcopale Italiana sul turismo. Il documento colma un vuoto normativo che aveva portato a qualche difficoltà organizzativa in Italia. La Conferenza Episcopale Italiana, con la Pastorale del Turismo guidata da don Mario Lusek, ha dato importanza al tema del turismo quale strumento, soprattutto nell’ultimo decennio, per la valorizzazione e promozione dei luoghi, nel rispetto e nella tutela dell’ambiente.

Quest’anno la giornata del creato e del turismo sarà celebrata in unica data perché sono temi indivisibile: il  2 settembre a livello nazionale a Gubbio, il  16 settembre a livello regionale a Oratino, nel Molise.  Non ci può essere turismo, quindi promozione, se non vi è cura del Creato afferma Mario Ialenti Direttore Pastorale Turismo della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana.

Nel messaggio dei Vescovi per la celebrazione della giornata del Creato e del Turismo si legge “la sfida specifica che ci viene posta da questo 2017 è quella di far crescere un turismo autenticamente sostenibile, capace di contribuire alla cura della casa comune e della sua bellezza. “

“Dobbiamo tutti pensare che l’esperienza del turismo ed il suo impatto effettivo esprimano una concreta attenzione per i luoghi in cui esso si realizza”

La Conferenza Episcopale Italiana, con gli Uffici della Pastorale, non si è limitata ad enunciare il turismo sostenibile ma lo ha declinato in dettaglio facendo un ulteriore passo in avanti: il turismo deve essere accessibile a tutti, non solo sul piano fisico. Questo, il punto centrale dell’intesa tra Regioni e CEI. I due progetti che la Pastorale ha elaborato ed ha messo a disposizione dei territori riguardano “i cammini” e “il parco culturale ecclesiale”.

Oggi in particolare il turismo lento, il camminare, il “viandare” è esploso e tantissimi sono alla riscoperta dei percorsi naturalistici, ambientali, storici. La Regione Molise ha adottato uno specifico provvedimento per definire e sviluppare i cammini soprattutto quelli che impattano sul Tratturo.  Il Ministero del Turismo ha proclamato il 2016 l’anno dei cammini, così come ha proclamato il corrente anno l’anno dei borghi.

L’altro progetto promosso dalla Pastorale è quello del Parco Culturale Ecclesiale che rappresenta la risposta organizzata per far vivere i borghi. Con il Parco si mettono a sistema i beni culturali rendendoli fruibili al visitatore e ponendoli nella disponibilità delle Istituzioni civili. Nelle nostre realtà chiese, monasteri, conventi sono presenti in tutti i paesi e rappresentano   uno scrigno di ricchezza. Così come il tratturo è segno di storia, enogastronomia, sapori e saperi.

Turismo sostenibile ed accessibile significa garantire forme di ospitalità che impattino il meno possibile sull’ambiente, occorre evitare sprechi di energia e di cibo, ma ancora più quel “vorace consumo di suolo che talvolta viene giustificato proprio dal dover fare turismo”. Significa sobrietà da parte di chi viaggia, significa incoraggiare la mobilità sostenibile.

Sono i due progetti più interessanti e di vero sviluppo per le aree interne. Non imbattano, ma fanno vivere, non inquinano ma danno risorse, non sono invasivi ma danno grande visibilità. Parco culturale e cammini sono dunque la sintesi della glocalità, della tipicità, della passione e dell’emozione. Glocale perché danno la rappresentazione geografica dei posti ma vanno oltre il localismo. Tipicità perché sono unici e irripetibili.

“Passione ed emozione segni dell’amore, del trasporto verso l’altro. Solo così possiamo far  nascere il desiderio della scoperta” ha affermato il direttore della Pastorale del Turismo della CEAM. Torri e campanili in questo progetto non si scontrano ma diventano sentinelle del territorio e luogo di raccolta, richiamo della gente che rivive la piazza ne condivide i profumi i sapori e i   saperi da scoprire ed AMARE.

 

Commenti

commenti