Sindacale/ Cisl Poste, verso la Conferenza Nazionale Organizzativa

242

Cil Poste/ Verso la Conferenza Nazionale Organizzativa
“Il futuro della rappresentanza per una nuova stagione di protagonismo sindacale nel settore postale” questo lo slogan della Conferenza Organizzativa che la Slp-Cisl, sindacato più rappresentativo di Poste Italiane, svolgerà a Chianciano Terme nei giorni 1 e 2 luglio 2019. Una conferenza che per tradizione cade a metà mandato congressuale, utile per mettere a punto l’intera macchina organizzativa e verificarne il funzionamento in relazione al percorso fatto fino ad oggi e a quello ancora da fare. Dalla precedente Conferenza Organizzativa di Perugia 2015 – precisa il Segretario della CISL Poste Antonio D’Alessandro -, la CISL Poste è stato il sindacato che ha meglio interpretato la fase di ulteriore trasformazione del Gruppo Poste Italiane.
Grazie alla sua capacità di governare determinanti processi di transizione aziendale, ha raggiunto un elevato livello di consenso tra i lavoratori raggiungendo il 50,25% della rappresentatività quale mix tra numero degli iscritti e i voti riportati nelle elezioni RSU. Ulteriore banco di prova – continua l’esponente della CISL Antonio D’Alessandro – sono state le recenti elezioni per il rinnovo degli organismi di Fondoposte, dove la lista SLP-CISL ha registrato il traguardo storico del 60,77% dei consensi, ottenendo ben 18 componenti su 30 nell’Assemblea dei Soci. Risultati che sono il frutto delle politiche di SLP, della sua capacità contrattuale, della formazione permanente dei suoi responsabili sindacali e dell’efficace comunicazione interna ed esterna.
Una sfida vincente che SLP ha lanciato da anni, divenendo il più forte ed autorevole interlocutore di tutti quei lavoratori che operano nel settore postale. SLP è certo – conclude Antonio D’Alessandro – che questa Conferenza Organizzativa sarà utilissima per delineare efficacemente l’azione organizzativa e di tutela sindacale in una società e imprese sempre più digitali.

Segretario Regionale SLP-CISL- Antonio D’Alessandro

Commenti Facebook