Sanità/ Il Cardarelli nel degrado, un lettore scrive al presidente Toma

129

Riceviamo e pubblichiamo

Caro Presidente Donato Toma, oggi mi sono recato al presidio ospedaliero Cardarelli Campobasso. Questo è un presidio in stato di abbandono, non funzionano i portoni elettrici scorrevoli da almeno 10 anni, neppure le barriere elettroniche in entrata al passo carraio del pronto soccorso non funzionanti. I varchi di accesso al nosocomio sono aperti giorno e notte, meta di vandali e senza fissa dimora che dormono nei reparti dismessi e i ladri rubano tutto quello che trovano perché manca la vigilanza.

C’è solo un operatore alla guardiola alla notte e la struttura non è sicura; per gli operatori sanitari bisogna fare qualcosa, attualmente tutto è fermo nonostante i miei solleciti, l’ufficio tecnico che deve fare i lavori non fa nulla Dice che è oberato di lavoro e non ce la fa, che hanno bisogno di nuovi ingegneri; è un assurdo, caro Donato, bisogna trovare l’input per fare i lavori che servono perché sennò questa struttura cade a pezzi giorno per giorno.

In ultima la grave situazione della sede del SUEM 118 Molise soccorso, da oltre vent’anni negli scantinati e magazzini del nosocomio del capoluogo nessuno fa niente e gli operatori si lamentano; senza bagni, senza finestre, un vero bunker; non c’è nessuna dignità per gli operatori del Soccorso tecnico urgente.

Queste sono le cose, Caro Presidente, che bisogna fare con Cortese urgenza.

Con stima e affettuosa amicizia di sempre

Natalino Stocco

Commenti Facebook