Elezioni, Esposito: “Voglio essere interprete del desiderio di crescita dei miei concittadini”

496

Tra i volti nuovi nella lista di Forza Italia in vista delle elezioni per il rinnovo del Conisglio comunale di Campobasso del 26 maggio figura Domenico Esposito, 43enne nativo del capoluogo di regione, dove vive e lavora da sempre, funzionario pubblico, padre di due ragazzi di 17 e 14 anni. Esperto in Sicurezza Urbana (è Presidente da oltre 12 anni dell’Associazione Molisana Polizia Locale (AMOPOL) e referente nazionale per Organizzazioni in ambito di Sicurezza Urbana e Tutela Ambientale) e Responsabile didattico di vari progetti formativi, oltre che Componente del Centro Studi sul Turismo presso l’Università degli Studi del Molise. Una persona, quindi, che conosce bene le problematiche che attanagliano il maggiore centro del Molise. A lui abbiamo rivolto alcune domande, proprio in vista della prossima tornata elettorale amministrativa.
Quali le motivazioni alla base della decisione di candidarsi per le elezioni al Comune di Campobasso?
“Il senso di responsabilità verso la Città dove crescono i nostri figli, ai quali abbiamo il dovere di offrire delle opportunità per restare, lavorare e realizzarsi. Voglio contribuire al rilancio amministrativo della nostra Città Capoluogo di regione, impegnandomi per far riscoprire l’orgoglio delle nostre radici, delle nostre tradizioni, delle nostre eccellenze culturali, culinarie ed ambientali. Voglio partecipare alla riscoperta di una Politica del Fare.
Ci può spiegare in sintesi i punti fondamentali del suo programma elettorale?
“Io ho coniato tre propositi, che possono sembrare tre slogan ma che in effetti sono i titoli dei capitoli principali della mia azione amministrativa per la Città di Campobasso.
#Proteggere: Punto alla realizzazione di un Piano di “Difesa Giovani” che fornisca ai ragazzi gli strumenti reali e culturali per difendersi dalle nuove minacce sociali. Un programma che fortifichi il senso di appartenenza, la conoscenza ed il desiderio di promuoversi e valorizzarsi; riscoprendo la voglia di fare impresa con una connotazione territoriale specifica che ne qualifichi le eccellenze e peculiarità locali.

#Orgoglio: Il nostro territorio, la nostra storia, sono la nostra forza. Pertanto vorrò implementare una strategia di marketing territoriale per creare attrattività turistica e di impresa.
#Volto Nuovo: La Città può cambiare ed evolversi con soluzioni innovative. Creando campus didattici, rendendo maggiormente vivibili gli spazi all’aperto anche d’inverno con soluzioni di smart city. Città del Fare: Intendo realizzate dei Centri di Sviluppo Locale su tre aree fondamentali: Zona Industriale, Zona Verde periferica, Zona Commerciale Centrale. Attraverso un sistema di rete imprenditoriale partecipato dal pubblico, che ne deve valorizzare ed implementare l’azione di brandizzazione ottimizzandone le procedure e semplificandone le azioni”.

Quale l’apporto che ritiene di poter dare all’attività amministrativa del capoluogo di regione in caso di elezione?
“L’esperienza amministrativa maturata, in quanto sono funzionario della pubblica amministrazione da oltre 20 anni, utilmente coniugata ad uno spirito innovativo e visionario, mi permetteranno di corrispondere all’azione amministrativa, delle idee innovative, che possano valorizzare anche con semplicità spazi e contesti pubblici. Voglio essere interprete del desiderio di crescita dei miei concittadini, dimostrando a loro e ancor più a quanti parlano del nostro Molise, della nostra Campobasso senza averla mai conosciuta, che questa è una terra di cui andare orgogliosi”.

Commenti Facebook