Home Politica Maltempo, firmate le ultime convenzioni. Frattura: lavori in 21 comuni

Maltempo, firmate le ultime convenzioni. Frattura: lavori in 21 comuni

166

“Con la firma di oggi compiamo un altro passo decisivo nel percorso lungo il quale ci siamo mossi tutti, Comuni, Servizio di protezione civile e Regione, con rigore, serietà e giusto spirito di condivisione anche e soprattutto per lavorare nei casi di emergenza come quelli legati al maltempo. Oggi un altro bell’esempio di collaborazione fattiva e produttiva: procediamo con i comuni che beneficiano ora delle economie derivanti dal finanziamento già erogato per la realizzazione dei lavori”. Lo ha detto il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, lunedì 28 novembre, a Palazzo Vitale in occasione della stipula delle ultime convenzioni per l’affidamento delle funzioni di soggetto attuatore ai comuni di Baranello, Casacalenda, Castelpetroso, Civitacampomarano, Civitanova del Sannio, Fossalto, Gambatesa, Gildone, Jelsi, Macchia Valfortore, Montagano, Montefalcone del Sannio, Petacciato, Pescopennataro, Riccia, Ripabottoni, Rotello, Santa Croce di Magliano, Tufara, Ururi. Lo stanziamento a disposizione, pari a 940 mila euro derivanti da economie, dà avvio al piano degli interventi rimodulato e approvato dal Commissario delegato per il ripristino dei danni causati dal maltempo del 5 e 6 marzo 2015.

“Le amministrazioni comunali – ha sottolineato il presidente Frattura –, sono riuscite a vedersi riconosciuto il danno così come da loro quantificato e la Regione ha mostrato un impegno rispondente alle risorse disponibili senza creare aspettative poi nei fatti non sostenibili. Siamo riusciti a tamponare le difficoltà con tempestività e soprattutto in coerenza con l’allineamento tra gli impegni assunti e la copertura finanziaria. Per questo ringrazio i sindaci, le amministrazioni coinvolte, le strutture tecniche che hanno collaborato con noi, il Servizio regionale di protezione civile con il direttore Gino Cardarelli e il nostro consigliere delegato, Salvatore Ciocca”.

Commenti

commenti

Commenti

commenti