Home Dal Territorio Il Neuromed promuove, con i suoi esperti, una giornata dedicata all’informazione e...

Il Neuromed promuove, con i suoi esperti, una giornata dedicata all’informazione e al confronto

185
neuromed-11

Per l’ottavo anno consecutivo si rinnova l’appuntamento con la Giornata Nazionale Parkinson, promossa dall’Accademia LIMPE-DISMOV (Accademia Italiana per lo Studio della Malattia di Parkinson e i Disturbi del Movimento) e dalla Fondazione LIMPE per il Parkinson ONLUS . Il prossimo 26 novembre, su tutto il territorio nazionale, si terranno iniziative e incontri di informazione e confronto che coinvolgeranno le oltre 90 strutture locali aderenti, attraverso il supporto di personale medico qualificato.

L’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli promuove per la giornata del 26 novembre l’Info Point presso la Clinica di Via Atinense 18 – Pozzilli. Appuntamento dalle ore 9.00 alle ore 12.00 con gli specialisti del Centro per lo Studio e la Cura della Malattia di Parkinson. Per informazioni chiamare il numero 0865/929242.
“Il nostro lavoro – dice il dottor Nicola Modugno, responsabile del Centro per lo Studio e la Cura della Malattia di Parkinson dell’I.R.C.C.S. Neuromed – è improntato verso una medicina che guarda al paziente nel suo complesso, nel tentativo di ricreare fiducia e confidenza nelle proprie capacità. Un esempio di questo approccio è rappresentato dall’esperienza di Sail 4 Parkinson che ha visto quattro pazienti imparare l’arte della navigazione a vela e lo scivolamento sull’acqua, a contatto con la natura. Tutte le attività sportive - continua Modugno – hanno effetti benefici sui pazienti affetti da Parkinson. Non a caso oggi la danza, la recitazione teatrale sono utilizzate come mezzi assistenziali e riabilitativi. È importante, inoltre, promuovere un percorso di informazione e di educazione alla conoscenza del Parkinson al fine di sviluppare la capacità di trasmettere messaggi positivi nella società. Riteniamo sia deleteria la distinzione netta tra persona “malata” e “non malata” non solo per chi affronta in prima persona una patologia neurodegenerativa, ma anche per la società tutta che tenderà a emarginare chi appare diverso”.

Commenti

commenti

Commenti

commenti