Home Politica Consiglio Regionale: approvate le leggi sulla celiachia e variazione alla “legge di...

Consiglio Regionale: approvate le leggi sulla celiachia e variazione alla “legge di stabilità 2016″

166
aulaconsiglio regionale

Il Consiglio Regionale, presieduto dal Presidente Vincenzo Cotugno, ha approvato nella seduta del 29 novembre 2 leggi di iniziativa della Giunta regionale, una sulla celiachia, l’altra riguardante una variazione alla “legge di stabilità 2016”. L’Assise ha anche approvato il Piano Faunistico regionale e due atti rogatori, un Ordine del Giorno sui medici veterinari e una Mozione sull’elettrificazione della tratta ferroviaria Campobasso-Benevento.
In particolare la legge sulla celiachia, intitolata “interventi in favore dei soggetti affetti da malattia celiaca, compresa la variazione clinica della dermatite erpetiforme”, è stata votata all’unanimità dall’Aula, dopo l’illustrazione del Relatore, Consigliere Ioffredi, e gli interventi di condivisione dei Consiglieri Lattanzio, Fusco Perrella, Niro, Petrarioia e Manzo, dell’Assessore Facciolla e del Presidente della Giunta Frattura.
La legge, come è stato spiegato dal Relatore Ioffredi, prevede:
· l’istituzione di un Centro Regionale di riferimento che, in raccordo con le pediatrie, avrà il compito di effettuare gli esami endoscopici per diagnosticare e certificare la malattia celiaca.
· la creazione di un “Registro molisano dei Celiaci” che avrà il compito di raccogliere i dati, tutelati dalla privacy, dei pazienti residenti in Molise affetti dalla malattia;
· il riconoscimento ai malati residenti in Molise di un contributo mensile spendibile in esercizi commerciali abilitati quali mense, farmacie e parafarmacie;
· l’attribuzione di finanziamenti per la somministrazione di pasti senza glutine da parte delle strutture scolastiche ed ospedaliere, e per la formazione dei ristoratori e degli albergatori;
· il coinvolgimento delle aziende agricole molisane in un processo di trasformazione e commercializzazione di grano “saraceno” ed altri cereali privi di glutine, creando un meccanismo virtuoso di formazione e informazione anche per i produttori.
L’Assise ha poi approvato a maggioranza, con l’astensione di Consiglieri Petraroia, Sabusco, Fusco Perrella, Iorio, Cavaliere, Federico e Manzo, la PDL che modifica alla “legge di stabilità regionale 2016”. La proposta di legge, di iniziativa della Giunta regionale, è stata illustrata dal Relatore Consigliere Di Nunzio che ha evidenziato come il provvedimento normativo si prefigge di sanare le criticità rilevate dall’impugnativa da parte del Consiglio dei Ministri della “legge di Stabilità regionale 2016”. La legge prevede alcune variazioni che però –come è stato sottolineato dal Relatore- non alterano gli equilibri di bilancio che restano invariati.
L’Assemblea regionale ha quindi votato a maggioranza, con l’astensione dei Consiglieri Manzo, Federico, Fusco Perrella, Sabusco e Cavaliere, il Piano Faunistico-Venatorio regionale. Ha illustrato il provvedimento il Relatore, Consigliere Micone, che ha evidenziato come il provvedimento è sostanzialmente il frutto del coordinamento dei due Piani omonimi redatti e prodotti dalle due Province di Campobasso e Isernia. Nel Piano regionale si afferma in pratica che le pianificazioni provinciali sono esaustive in termini di indirizzi generali sull’attività faunisticovenatoria e conformi alle normative europee, nazionali e regionali. Il Piano che, come è stato rilevato “costituisce lo strumento per definire le linee di pianificazione e di programmazione delle attività da svolgere sul territorio regionale per la gestione e conservazione delle specie faunistiche e per il prelievo venatorio”, ha superato la procedura VAS dopo le consultazioni e il coinvolgimento attivo di numerosi e ben individuati attori dei settori interessati. Sono intervenuti per esprimere in merito elementi di apprezzamento o alcune perplessità, i Consiglieri Di Pietro, Cavaliere e Manzo.
Il Consiglio ha poi approvato con il voto favorevole di tutti i Consiglieri, e con la sola astensione del Consigliere Federico, un Ordine del Giorno presentato dal Consigliere Niro (da lui stesso illustrato all’Aula) e firmato anche dai Consiglieri Iorio, Sabusco, Fusco Perrella, Monaco e Di Nunzio, sui medici precari del Servizio Veterinario dell’ASREM.
L’O.d.G. conferma e aggiunge chiarimenti a precedenti deliberati dell’Assemblea, che recepivano gli accordi raggiunti tra Regione e organizzazioni sindacali, sulla questione, con particolare riferimento alla validità delle graduatorie di medicina specialistica veterinaria. Il Provvedimento impegna anche il Presidente della Giunta ad autorizzare “il Direttore generale dell’ASREM a procedere alla proroga degli incarichi a tempo determinato di medicina specialistica veterinaria al fine di assicurare l’attività del Servizio Veterinario dell’Azienda fino alla definizione della dotazione veterinaria dello medesimo Servizio”. Si impegna quindi il Capo dell’Esecutivo a intervenire presso “la Direzione Generale regionale per la Salute e il Direttore dell’ASREM affinché individuino ogni percorso finalizzato a porre fine alla duratura situazione di precarietà dei veterinari specialistici che attualmente operano a tempo determinato al fine di permettere alla Regione Molise di adempiere a tutti i LEA del settore veterinario evitando penalizzazioni”.
L’Assise ha dunque votato all’unanimità una Mozione a firma dei Consiglieri Petrarioia, Ciocca, Di Pietro, Fusco Perrella, Federico e Ioffredi, sull’elettrificazione della tratta ferroviaria Campobasso- Benevento.
L’atto di indirizzo è stato illustrato all’Aula dal Consigliere Ciocca, sono intervenuti i Consiglieri Petraroia e Federico. Per il Governo regionale ha preso la parola l’Assessore Nagni. In particolare la Mozione votata impegna il Presidente della Giunta e l’Esecutivo Regionale ad attivarsi, di concerto con la Regione Campania, nei confronti del Governo:
· al fine di predisporre un’intesa sull’elettrificazione della tratta ferroviaria Campobasso- Benevento, da inserirsi nell’ “Accordo di Programma sull’Area di Crisi industriale complessa del Molise interno” tra le infrastrutture strategiche per lo sviluppo locale e per innalzare la competitività del sistema ferroviario;
· ad intervenire nei confronti delle ferrovie dello Stato per ripristinare il collegamento Campobasso-Benevento.Infine, si sono svolte due Interpellanze nei confronti del Governo regionale.
La prima del Consigliere Petraroia sul mancato pagamento della mobilità in deroga dell’annualità 2015 a 1800 lavoratori del Molise. Ha risposto per la Giunta il Vice Presidente Facciolla. Il Consigliere si è detto soddisfatto in funzione dell’emanazione dell’atto richiesto.
La seconda Interpellanza, a firma dei Consiglieri Federico (da questi illustrata) e Manzo, avente a oggetto il Bando di Trasporto pubblico extraurbano su gomma. Ha risposto per l’Esecutivo, l’Assessore Nagni. Gli interpellanti non si sono detti non soddisfatti.

Commenti

commenti

Commenti

commenti