Home Italia e Mondo La piccola migrante di 4 anni scampa al naufragio e ritrova la...

La piccola migrante di 4 anni scampa al naufragio e ritrova la mamma

150

Oumoh era arrivata da sola a Lampedusa su una motovedetta della guardia costiera: la madre l'aveva mandata via dalla Costa d'Avorio per sottrarla all'infibulazione, ma il barcone era affondato. Ora la donna è stata rintracciata a Tunisi

di FRANCESCO VIVIANO e ALESSANDRA ZINITI www.repubblica.it

Un miracolo, un colpo di fortuna insieme alla determinazione dei poliziotti dell’ufficio minori della questura di Agrigento che da quindici giorni cercano di individuare un qualsiasi familiare della piccola Oumoh, la bimba ivoriana di quattro anni giunta da sola a Lampedusa a bordo di una motovedetta della Guardia costiera intervenuta dopo un naufragio nel Canale di Sicilia. Oumoh rivedrà presto la sua mamma, la giovane donna che l’aveva portata via dalla Costa d’Avorio per sottrarla alla terribile pratica dell’infibulazione. Zanabou Camara, 31 anni, questo il nome della mamma della piccola Oumuh, sta bene ed è a Tunisi e aspetta di sapere come e quando potrà riabbracciare la sua piccola che aveva affidato ad un’amica della sorella senza più averne notizia.

A ridare ad Oumoh la sua mamma è stata un’altra bambina, Nassade, 8 anni del Mali, giunta a Lampedusa venerdi scorso insieme a sua madre e al fratellino di sole tre settimane con un altro gruppo di profughi. Per un incredibile caso, mentre si trovava nell’ufficio della direttrice del centro di Lampedusa, Marilena Cefalà, Nassade ha visto la foto di Oumoh che in quel centro aveva passato i primi drammatici giorni dopo il suo arrivo solitario a Lampedusa. “Oumoh”, ha esclamato la bambina riconoscendola in foto e facendo saltare per aria la direttrice del centro, anche lei impegnata da giorni nel tentativo di capire con chi potesse essere arrivata la piccola ivoriana. Quando ha chiesto alla madre di Nassade se conoscesse la bimba ritratta in foto, incredibilmente la donna ha detto di ricordare il nome della madre ( che aveva conosciuto in un centro di raccolta in Tunisia) e di avere anche il suo numero di telefono. Al quale ancora più incredibilmente Zanabou ha subito risposto.

Quando l’interprete ha spiegato alla donna che la piccola Oumoh era viva ed era a Palermo in una comunità per minori, la giovane ivoriana è scoppiata in un pianto dirotto e ha raccontato per sommi capi la loro incredibile storia. Madre e figlia erano fuggite da casa in Costa d’Avorio diverse settimane fa perché i familiari intendevano sottoporre la bambina all’infibulazione, pratica tradizionalmente diffusa in quel paese, e avevano faticosamente raggiunto la Tunisia insieme ad un’amica della sorella maggiore di Zanabou. Dopo aver trovato una sistemazione, la ragazza aveva deciso di tornare in Costa d’Avorio per prendere tutti i suoi averi e trasferirsi definitivamente in Tunisia e aveva affidato la piccola Oumoh all’amica.

Al suo paese, però, Zanabou sarebbe stata aggredita e trattenuta dai familiari che pretendevano che riportasse la bambina a casa e che sottostasse agli usi del paese. Nel frattempo, però, l’amica rimasta a Tunisi aveva trovato il modo di partire per l’Italia e a quel punto, non potendo abbandonare Oumoh, ha deciso di portarla con sé. Quando, dopo il naufragio nel Canale di Sicilia, la piccola fortunatamente sopravvissuta, è finita in mani sicure, la donna se n’è disinteressata. Da qui il giallo sul viaggio solitario della piccola. Nel frattempo Zanabou, tornata a Tunisi, non aveva più avuto notizie né dell’amica né della
figlia.

Commenti

commenti

Commenti

commenti