Home Italia e Mondo Grandi opere, 21 arresti della finanza per corruzione sulla Tav Milano-Genova e...

Grandi opere, 21 arresti della finanza per corruzione sulla Tav Milano-Genova e sull’A3

182

Le ordinanze colpiscono dirigenti Cociv - tra cui il presidente Longo e il vice Pagani - e imprenditori. L'accusa è anche di tentata estorsione www.repubblica.it

Appalti truccati da Nord a Sud, dall'alta velocità ferroviaria alle autostrade. Un'operazione congiunta di Carabinieri e Guardia di Finanza torna a dipingere un'Italia in cui il sottobosco della corruzione affianca tutte le grandi opere. Le persone coinvolte sono almeno 21 in varie regioni, con accuse che vanno - a vario titolo - dalla corruzione alla tentata estorsione, fino all'associazione a delinquere. Tra gli arrestati Michele Longo e Ettore Pagani, presidente e vicepersidente di Cociv, la concessionaria impegnata sul Terzo valico ferroviario tra Genova e Milano.

Gli investigatori ipotizzano "condotte corruttive per ottenere contratti di subappalto" nei lavori di una tratta della Tav Milano-Genova, del 6° Macrolotto dell'A3 Salerno-Reggio Calabria e della People Mover di Pisa, l'impianto a fune che mette in collegamento l'aeroporto Galileo Galilei con la stazione centrale della città.

L'attività investigativa, denominata "Amalgama", ha fatto scattare arresti nel Lazio, Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana, Abruzzo, Umbria e Calabria. L'indagine - spiegano fonti degli inquirenti - ha ricostruito presunte condotte illecite di un gruppo di persone costituito, organizzato e promosso dall’ingegnere Giampiero De Michelis, fino al 2015 direttore dei lavori nell'ambito delle tre opere pubbliche interessate e dal suo socio di fatto, Domenico Gallo, imprenditore calabrese considerato da tempo un nome noto delle costruzioni stradali. Insieme a loro, lavoravano per il medesimo obiettivo, altre 9 persone, fra cui alcuni funzionari del consorzio Cociv.

Secondo quanto emerso, in alcuni casi, era De Michelis a obbligare le ditte vincitrici della commessa a spezzettare i lavori in diversi subappalti, da assegnare a ditte da lui indicate, pena un certosino lavoro di verifiche e controlli, sinonimo di costi aggiuntivi, ritardi e penali. In altri casi invece, l'opera di corruzione avveniva a monte, durante le gare bandite dal general contractor.

Commenti

commenti

Commenti

commenti