Home Italia e Mondo Berlusconi e il Sì a Mediaset: «Hanno paura di ritorsioni di chi...

Berlusconi e il Sì a Mediaset: «Hanno paura di ritorsioni di chi ha potere»

208

L’ex premier dopo il Sì espresso da Fedele Confalonieri: «Ho avuto discussioni ma ho dovuto accettare, per il bene dei risparmiatori». «Renzi? Il più grande affabulatore»
Franco Stefanoni www.corriere.it

Silvio Berlusconi schierato per il No e Mediaset, invece, per il Sì. «Hanno paura - spiega il leader FI dallo studio di Porta a Porta - di una possibile ritorsione di chi ha il potere». «Ho avuto discussioni a questo livello - ha detto a Bruno Vespa che si è riferito alle interviste per il Sì di Fedele Confalonieri - e ho dovuto accettare, essendoci una maggioranza di risparmiatori e di investitori, che certe dichiarazioni del presidente di Mediaset, eccetera, sono attribuibili alla difesa dei risparmiatori».

Matteo Renzi? «Mi accusano di avere detto che Renzi è l’unico leader. Renzi ha due qualità: è un grandissimo affabulatore, credo il numero uno nella storia della Repubblica, assolutamente più bravo di me. E poi ha 40 anni, la metà dei miei, quindi ha una grande energia e dinamismo e può andare in vari posti ogni giorno, per raccontare le sue bugie».
«Lasciamolo stare comunque: se a un certo punto il governo dovesse vincere - osserva ancora l’ex premier - ci sarebbero conseguenze negative per le nostre aziende, e anche per le altre». «Il governo resterà in carica perché ha la maggioranza e continua ad averla», dice ancora Berlusconi. E inoltre, riguardo alla frase di Renzi sull’accozzaglia del fronte del No: «Non è che dall’altra parte, con Alfano, Verdini e Cicchitto, ci sia il Real Madrid in campo...».

Commenti

commenti

Commenti

commenti