Home Isernia Isernia: istituzione della Commissione Comunale del paesaggio, su iniziativa dell’ex assessore Di...

Isernia: istituzione della Commissione Comunale del paesaggio, su iniziativa dell’ex assessore Di Baggio

277

L’ex assessore Roberto Di Baggio, dai banchi dell' opposizione, si mostra instancabile. E si è adoperato per dotare il Comune di uno strumento indispensabile per snellire le procedure e per venire incontro alle esigenze di imprese, professionisti e privati cittadini che s'imbattono nelle maglie della burocrazia: la Commissione Comunale per il Paesaggio, risulta sconosciuta ai più, ma tanto sognata dagli addetti ai lavori, nonché dai tecnici comunali, la Commissione servirebbe ad accelerare in maniera esponenziale i procedimenti amministrativi per ristrutturazioni edilizie e nuove costruzioni. Il territorio comunale di Isernia, infatti, è al 100% sottoposto al vincolo paesaggistico: ciò significa che, anche per una semplice tinteggiatura o una modifica ad una finestra o un gazebo occorre rivolgersi alla Regione Molise per ottenere l'Autorizzazione Paesaggistica. La Regione, naturalmente, è ingolfata di procedimenti proprio per la mole di pratiche che deve gestire (a volte di entità ridicole) e quindi i tempi sono biblici, anche perché la Commissione Regionale si riunisce con cadenza settimanale. Invece, costituire una Commissione Comunale, legittimamente garantita per via della sub-delega regionale, come avviene in numerosi Comuni della provincia, significherebbe ridurre tempi e passaggi burocratici, che si traducono in costi a carico delle imprese e disagi per i cittadini. Infine si precisa che essa sarà a costo zero visto che la legge espressamente prevede la gratuità di tale Commissione Comunale. Il Regolamento su proposta dell’ex assessore Roberto Di Baggio è al vaglio della II commissione Comunale. A breve sarà a disposizione per essere approvato in Consiglio Comunale, a dimostrazione della volontà da parte dell'opposizione di offrire la massima collaborazione nell'unico intento di dare risposte ai cittadini.

Commenti

commenti

Commenti

commenti